Tra i benefici dello scorrere delle stagioni c’è sicuramente il cambiamento di ritmo e abitudini. In estate è più facile svegliarsi presto e godere delle giornate più lunghe, mentre in inverno il richiamo del caldo dei nostri letti diventa sempre più forte. Nonostante questo, non è raro che anche in inverno il sonno possa essere disturbato e non sempre il riposo notturno risulta essere ristoratore come vorremmo.

6 consigli per migliorare la qualità del sonno e dormire meglio

Ogni persona ha i suoi trucchi per dormire bene, ma ecco alcuni suggerimenti generali per migliorare la qualità del sonno invernale. 

Regolare la temperatura della stanza 

Questa regola può essere applicata per l’estate, vale ancora di più per l’inverno. Il corpo umano, durante il sonno, tende ad abbassare la sua temperatura, perciò la stanza dovrebbe essere mantenuta tra i 16 e i 18 gradi. Stare al caldo sotto le coperte è sicuramente molto piacevole, ma una temperatura troppo alta può influire negativamente sulla qualità del sonno. 

Evitare l’oblio dell’esposizione all’aria fresca 

Scoppiare il riscaldamento e creare un ambiente “coccoloso” è senz’altro piacevole, ma può aumentare il livello di anidride carbonica e di umidità all’interno della stanza. Questi fattori possono causare delle conseguenze negative sull’organismo in generale. A presentarsi magari con difficoltà respiratorie, mal di testa, raffreddori, tosse o potrebbe causare l’apnea notturna. Assicurarsi, dunque, di arieggiare bene prima di andare a dormire, per avere l’aria più fresca possibile. 

Fare attenzione alla luce 

Anche l’illuminazione gioca un ruolo importante per il sonno. La luce ci aiuta nel regolare il ciclo del sonno; i nostri ritmi biologici, infatti, si basano sulla ciclicità del sonno, nella quale la luce gioca un ruolo fondamentale. Nel caso dell’inverno, le giornate molto corte e oscure possono confondere il nostro orologio biologico e destabilizzare il nostro sonno notturno. Assicurarsi quindi di avere luce naturale durante il giorno, facendo attenzione alla luminosità dei dispositivi elettronici negli ambienti notturni. 

Ridurre l’assunzione di caffeina e alcol 

Il consumo di bevande contenenti caffeina, come il caffè, il tè e le bibite energetiche, dovrebbe essere evitato almeno qualche ora prima di andare a dormire. La stessa cosa vale per l’alcol. Anche se l’alcol può aiutare a rilassarsi, in definitiva può avere un effetto opposto, in quanto aumenta l’incidenza di apnee notturne e altre complicanze del sonno. 

Tieniti attivo durante il giorno 

L’esercizio fisico durante il giorno può influire positivamente sulla qualità del sonno la notte. L’importante è comunque non esercitarsi poco prima di addormentarsi: lo sforzo fisico intenso può mantenere l’organismo attivo fino a diverse ore dopo la conclusione dell’attività. Si consiglia di fare esercizi moderati almeno 4 ore prima di coricarsi. 

Tranquillo e rilassato 

Il riposo notturno richiede un’ottima dose di tranquillità e relax. A tal fine, si raccomanda di evitare recalli e situazioni stressanti, cercando invece di dedicarsi a attività come la lettura, meditazione o la creazione di un ambiente favorevole al sonno (luci calde, musiche soft e calme, ad esempio). 

Conclusioni 

Il sonno è la chiave per il nostro benessere generale e in inverno la tendenza a dormire più spesso. Tuttavia, dormire bene non è sempre scontato. L’importante è creare l’ambiente adattato ad un riposo ristoratore, per far si che il proprio corpo e la propria mente si rigenerino e si riparino di notte. 

Un buon riposo notturno può essere ottenuto regolando la temperatura della stanza a circa 16-18 °C e assicurandosi di avere una buona aereazione notturna. Anche la luce gioca un ruolo importante, evitate di utilizzare dispositivi elettronici prima di coricarsi. Limitare la caffeina e l’alcol è altrettanto importante, il che potrebbe compromettere la qualità del sonno, invece, l’esercizio fisico durante il giorno aiuta a conciliare il sonno notturno. Infine, cercare di essere rilassati e tranquilli, in luoghi e circostanze favorevoli. 

Dormire bene aiuta ad affrontare al meglio la giornata seguente, mantenendo un buon livello di energia mentale e fisica, perciò è importante dedicare la giusta attenzione al riposo notturno. La farmacia può suggerire valutazioni melecoiche riguardo queste problematiche, aiutandovi nella scelta di eventuali integratori o strumenti per migliorare la qualità del sonno. 

Se l’articolo Come migliorare la qualità del sonno, consigli ti è stato utile contattaci o passa in Farmacia La Giustiniana!